lunedì 2 febbraio 2015

La carezza di Zefiro



Improvvisa  e inattesa
Breve stagione d'amore
Lontana  e vicina
Ieri veemente bruciata
Oggi ricoperta di cenere
E come un temporale
Pioggia lampi e tuoni
Vestono un cielo grigio
Zefiro di una carezza
Spazza via la cenere 
Svestendo agonizzante
Un tizzo ancora ardente


2 commenti:

  1. MI piace questa tua poesia sulla stagione del'amore ...che infine sembra ancora ardere ....
    Ciao carissimo Gabriel

    RispondiElimina
  2. Soltanto un lieve fuoco arde, perché non esiste nulla che possa spegnerlo: Grazie e notte serena.

    RispondiElimina