mercoledì 29 luglio 2015

Rimpianto e viltà


forse la vita che fai
non è la tua
non è una vita
ma un’enigma che ti stritola
se vivessi una vita vera
senza false recite
senza ciniche viltà
ogni luogo
ogni cosa
ogni persona
sarebbero il tuo paradiso
non osando guardarti in faccia
cerchi di distrarre la realtà
barando con te stesso
ma giocati la vita!
In qualsiasi modo vero
morderai la mela dell’inferno
se non sarai vile
non avrai rimpianti

2 commenti:

  1. Um Lindo poema,fortes versos!


    Fica com Deus Sergio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara Mary, come stai? Scusa se ti rispondo con tanto ritardo, solo da poche settimane ho la finestra per la risposta. Ti abbraccio forte:-)

      Elimina