sabato 3 gennaio 2015

C.aro amore



nel giorno e nella notte
mi ancoro  nel cielo
oceano di mari senza fine
e torna a cadere un parola
feconda di mille vocali e consonanti

torna il canto d’una voce senza suono
nella poetica geometria di stelle
e torna a ricadere un cuore
perduto nel piano deserto della luna

torna il giorno
e sempre desta l’alba un nome
cento e cento volte scritto
nelle compiute curve d’arcobaleni
e mille e mille volte urlato
in un sogno sciroccato di deliri

 torna la notte
tacita volta d’anima dannata
e torna a ricadere una parola
su infinita ghirlanda d’astri

e fra mille vocali che si spengono
una sola si accende consonante 
ch’io leggo come Caro amore
e tutto congiunge in Armonia



Nessun commento:

Posta un commento